IT | EN
8 giugno 2016

Sgambaro partner ufficiale di Aquae Venezia 2015: la pasta “leggera sull’ambiente” protagonista dai padiglioni di Expo a quelli della Laguna

Dal 3 maggio al 31 ottobre l’esposizione satellite veneziana avrà come fornitore esclusivo di spaghetti, pennette e fusilli il pastificio veneto

Castello di Godego (Treviso), 29 aprile 2015 – Il Mulino e Pastificio Sgambaro di Castello di Godego (Treviso) è partner ufficiale di Aquae Venezia 2015, il padiglione satellite dedicato all’acqua di Expo Milano.

Dal 3 maggio al 31 ottobre, all’esposizione nella Laguna di Venezia che approfondisce ed esplora la relazione tra l’uomo e l’acqua, gli spazi ristorazione serviranno spaghetti, pennette e fusilli Sgambaro, la prima pasta italiana “leggera sull’ambiente”. Il pastificio veneto sarà, infatti, il fornitore esclusivo di pasta per tutta la durata dell’evento rafforzando così il legame con il suo territorio. Un’importante conquista e una bella sfida per Sgambaro che, per i sei mesi di durata, rifornirà i ristoranti dell’esposizione veneziana che richiamerà oltre un milione di visitatori. Ulteriore conferma dopo l’accordo per la fornitura di diversi ristoranti nei padiglioni milanesi di Expo.

Nei piatti di migliaia di persone non ci sarà solo la qualità di una pasta prodotta con grano duro 100% italiano certificato, trafilata al bronzo e a lenta essicazione. Ci sarà anche una pasta attenta all’ambiente. Un tema al centro di Expo 2015 e delle scelte del pastificio Sgambaro da oltre un decennio.

Il grano duro utilizzato per produrre la pasta Sgambaro arriva da campi distanti al massimo 150 chilometri dal pastificio, una scelta, come ricorda il presidente Pierantonio Sgambaro, che ha permesso di limitare al massimo i trasporti. Non solo. Per ridurre la propria impronta ecologica, l’azienda ha puntato sulla contiguità tra mulino e pastificio, sull’utilizzo esclusivo di energia proveniente da fonti rinnovabili, sull’acquisto di auto elettriche. Sono poi arrivate le iniziative di compensazione: prima l’adozione dei boschi di Mel, in provincia di Belluno e Lusiana (Vicenza), il sostegno al progetto Bosco Limite.

Ora nella laguna di Venezia, Sgambaro ha deciso di collaborare con Blue Valley. Il bacino ittico, attraverso il CCS system (Carbon Capture and Storage), riesce a immagazzinare nel suolo melmoso grosse quantità di anidride carbonica, così da evitare che si riversino nell’atmosfera.
Proprio questa attenzione alla sostenibilità e alla qualità del prodotto si unisce ad altre caratteristiche, come l’alto valore proteico e l’ottima tenuta in cottura, che rendono la pasta Sgambaro perfetta per l’utilizzo nella ristorazione.
“Mi piace pensare – ha spiegato Pierantonio Sgambaro – che ciò che offriamo ai nostri clienti sia qualcosa che non solo permette loro di mangiare bene e sano, ma che contribuisca anche a migliorare e proteggere l’ambiente”.

> Scarica il PDF