IT | EN
8 giugno 2016

Impronta ecologica: Sgambaro partner del progetto “Colori Carta & Cartoni”

Il pastificio di Castello di Godego (Treviso) – in prima linea sui temi della sostenibilità – promuove l’iniziativa realizzata da Gruppo Alcuni in collaborazione con UNESCO Venice Office. Al via in tutta la regione Veneto, il progetto coinvolge gli studenti delle scuole primarie e secondarie, chiamati a realizzare brevi cartoni animati sul tema dell’impronta ecologica.

Treviso, 2 ottobre 2014 – Il pastificio Sgambaro partner del progetto “Colori Carta &Cartoni”. All’avanguardia sui temi della sostenibilità ambientale, l’azienda di Castello di Godego (Treviso) supporta – a fianco dell’UNESCO Venice Office – l’iniziativa ideata e promossa da Gruppo Alcuni, che vedrà coinvolti gli studenti delle scuole primarie e secondarie di tutto il Veneto nella creazione di un cartone animati sul tema “L’impronta ecologica”.

“Gruppo Alcuni e Sgambaro – ha spiegato Pierantonio Sgambaro, presidente dell’omonimo pastificio, nel corso della conferenza stampa di presentazione del progetto – sono due aziende che condividono gli stessi ideali e la stessa visione e che quindi lavorano insieme facendo realmente ‘rete’, per proporre ai giovani di compiere un’indispensabile riflessione su temi importantissimi che diventeranno sempre più pregnanti nella vita nostra e dei nostri figli”.

Con il supporto degli insegnanti, i bambini e i ragazzi dai 6 ai 14 anni sono invitati a ideare un breve racconto per un cartone animato della durata di un minuto, avente per protagonisti Olly, Diva, Cilindro, Senzanome, Portatile e Pio, i 6 simpatici personaggi della serie “Cuccioli”, testimonial dei progetti ideati da Gruppo Alcuni per UNESCO e conosciuti in oltre 60 Paesi del mondo. I Cuccioli diventeranno quindi i testimonial di questo straordinario progetto per promuovere una nuova coscienza ecologica che, proprio per essere maggiormente efficace, parte dalle giovani generazioni.

Tra tutti gli storyboard pervenuti alla segreteria di “Colori Carta & Cartoni” entro e non oltre il 28 febbraio 2015 ne verranno scelti 3, che gli animatori del Gruppo Alcuni trasformeranno in veri e propri cortometraggi. Nei prossimi giorni le classi di tutto il Veneto riceveranno un pieghevole con le istruzioni per la partecipazione e uno storyboard in bianco, che dovranno riempire con i propri disegni. Dopo aver analizzato il tema della sostenibilità ambientale, i partecipanti dovranno provare a spiegarlo ai propri coetanei, chiarendo soprattutto che cosa ognuno di noi può fare per alleggerire la propria impronta ecologica. Materiali di approfondimento saranno disponibili sul sito www.alcuni.it nella sezione dedicata al progetto.

La collaborazione tra Sgambaro e Gruppo Alcuni non si esaurisce in questa iniziativa, bensì continua con la realizzazione della Pasta dei Cuccioli, dedicata ai più piccoli, che non solo riproduce in maniera simpatica e divertente i 6 musetti dei loro beniamini ma è realizzata con la stessa attenzione all’ambiente che anima il progetto “Colori Carta & Cartoni”: grano italiano a Km 0, semole di altissima qualità organolettica, trafile in bronzo per sagomare nel modo migliore una pasta prodotta in uno stabilimento a bassissime emissioni di CO2.

“La pasta Sgambaro – precisa Pierantonio Sgambaro – viene prodotta con grande attenzione alla tutela dell’ambiente: per ridurre i trasporti che causano inquinamento scegliamo grano che proviene da campi vicini, lo maciniamo proprio accanto al pastificio e utilizziamo energia elettrica solo da fonti rinnovabili. Il nostro obiettivo è limitare il più possibile l’impatto ambientale: per questo abbiamo ‘adottato’ alcuni boschi del nostro territorio che rendono l’aria più pulita”.

Nel febbraio scorso a Venezia Pierantonio Sgambaro ha infatti siglato un accordo con i sindaci di Mel (Belluno) e Lusiana (Vicenza) impegnandosi a mantenere 600 ettari di aree boschive comunali che restituiscono ossigeno per compensare le emissioni di CO2 prodotte dallo stabilimento di Castello di Godego. Un evento tenuto a battesimo dal vicepresidente nazionale del Club di Kyoto, Francesco Ferrante.